mercoledì 19 settembre 2007

Wellcome to Aless. Town!!


Che ne dite? Posso mettere in vendita le Unita' Abitative???
Prezzi astronomici, si intende!

Questa 'villetta' l'ho fatta stasera, avrei dovuto stirarla, lo so, ma non avevo voglia di tirare fuori tutto l'ambaradan del ferro....

La giornata oggi non e' cominciata molto bene, ero decisamente nervosa, un sacco di cose da fare e energia Zero.
Il computer non funzionava, niente connessione! Un nerrrrvo...
Allora.....diamogli contro!!!! E come??? Con un po di shopping hobbistico, naturalmente! Ma mi spiace, non posso mostrar nulla...
Poi mi son fatta un Signor regalo, per tirarmi su.

Questa Signora mi affascina, da sempre.
Una voce cosi poderosa e un carattere cosi fragile.
Una donna che e' stata sempre molto severa con se stessa e poi ha amato fino alla morte un uomo rude e freddo.
La Divina, che tutto il mondo acclama e che nella vita privata e' una donnetta in balia di un 'orco'.
La donna che, toccato il cielo con un dito artisticamente e per un periodo anche sentimentalmente, muore in solitudine, paranoica e esaurita. E tutto per cosa? Per l'amore non corrisposto di un uomo, pure brutto...
Oltre la carriera della Divina, mi affascina il concetto di 'annullarsi' per amore, anzi, uccidersi, lasciarsi spegnere per amore.
Quando a me e' capitato di troncare un rapporto che pensavo durasse per sempre, certo ne ho sofferto, ma non mi e' mai passata per la mente l'idea che tutto il mio mondo finisse li. ...e probabilmente per questo mi son trovata all'ospedale... Ma anche in quei momenti il mio pensiero era 'Nessuno riuscira' a mettermi k.o.!'. Come si dice nella mia zona: Boia chi molla!!!!! (Che non e' riferito ai fatti storici accaduti anni fa! E' solo una frase che abbiamo adottato per darci forza a vicenda)
Tornando al libro, ho cominciato a leggerlo ed e' bello.
Fin dalle prime pagine senti la sofferenza di questa donna, conoscuta in tutto il mondo come la Divina e che in realta' voleva essere solo una moglie e una madre.
La CALLAS
"TROPPO FIERA, TROPPO FRAGILE" Alfonso Signorini edizioni Mondadori.

7 commenti:

marisa ha detto...

Belle le casette ma non riesco a capirne la misura.
Il libro sembra molto interessante...fammi sapere in merito.Ciao

apaolal ha detto...

e meno male che non era giornata!!! se poi era giornata chissa' che producevi: una villa di 20 stanze???? :-))

Simonetta ha detto...

E mi sa che stavaolta ha ragione Paola....mi sa tanto che ci costruivi l'intera zona Residenziale :)))))Bacioni P.S. Se hai problemi col pc c'è sempre Stefano casomai fammi un fischio ;)))

chicca ha detto...

posso affittare una casetta nella tua fantatica citta'?? :-)

Luciana ha detto...

Carissima, a proposito della Callas, sì hai ragione, sembra impossibile "morire d'amore", eppure una psiche fragile e succube gioca scherzi mortali. Tu, solo per aver pensato che non dovevi cedere, sei stata salva, altre non ce la fanno. Quindi brava per aver pensato che devi sempre uscire vincente dalle situazioni difficili, l'unica cosa che non mi piace anche se dici che dalle tue parti si dice così è il "boia chi molla", che mi ricorda un pezzo di storia non felice.
Ti abbraccio e ti mando un bacione.
Luciana

Luciana ha detto...

Brava e grazie.
Un bacione
Luci

AnnaDrai ha detto...

Deliziose le casette! magari fossero abitabili! Complimenti
anna