sabato 4 luglio 2009

Grazie Pablo!

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marca,
chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.
Muore lentamente chi evita una passione,
chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle "i"
piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore davanti
all'errore e ai sentimenti.
Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,
chi è infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza per l'incertezza,
per inseguire un sogno,
chi non si permette almeno una volta nella vita
di fuggire ai consigli sensati.
Lentamente muore chi non viaggia,
chi non legge,
chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in se stesso.
Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio,
chi non si lascia aiutare;
chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna
o della pioggia incessante.
Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo
di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.


Volevo scrivere un'altra delle mie favole-reali, raccontarvi la mia mattinata tra: consapevolezza-saldi-chimica-pappagallo-psicologia-Napoleone-amici-aperitivo
.....gli ingredienti ci sono tutti. Ma viaggiando da link in link sono arrivata davanti a questa poesia.
Mi ha catturato dalle prime parole.
La trovo MERAVIGLIOSA.
Voglio dedicarla ad un'amica, ANNA PAOLA, perche' leggendo le varie frasi, i vari concetti ho pensato a lei e mi son detta...
"Boia de
(l'influenza della mia zia livornese ogni tanto si fa sentire!) allora lei e' sicuramente un'immortale, l'avevo detto io!!!" :-)
Dovrebbe essere di Pablo Neruda (scommetto che le piu' maliziose di voi pensavano gia' che Pablo fosse una mia conoscenza esotica legata a qualche futuro viaggio....invece no. Tie'!)

Ahhh, per la Real fairytale....see you soon!
Kisses.

4 commenti:

Sabrina ha detto...

Dio mio mai come in questo momento della mia vita questa poesia è azzeccata ....ricevo segni ovunque eppure ancora non riesco a prendere una decisione .... aspetto un segno definitivo se mai arriverà ... posso inserirla anche nel mio blog tesoro??? un bacione

apaolal ha detto...

boia de'!!!in effetti.. hai riassunto la mia vita!! nel senso di quello che faccio e sono e...
sono felicissima della dedica perche' vuol dire che mi hai davvero capito!!
grazie AMICA
ti voglio bene
annapaola

aless.erre ha detto...

Blogger chiara ha detto...

come ho detto da sabrina questa poesia ha rappresentato un capitolo importantissimo della mia vita..io adoro Neruda, i suoi sonetti d'amore sono impagabili.. e qui ha ben espresso ciò che provavo quando ho deciso di cambiare vita!
baciotto

angelabe ha detto...

Bella e azzecata in pieno. Aspettiamo con ansia in tuo ritorno ...alla grande di sicuro. Baciotti